Bonus verde, le novità del 2018

NUOVE NORME SULLA DETRAZIONE DELLE SPESE PER IL VERDE

Dal 2018 sono oggetto di bonus, tramite detrazione fiscale, la manutenzione del verde e degli spazi attrezzati di case e condomini. In un approfondimento de Il Sole 24 Ore viene spiegato in modo molto chiaro il funzionamento del meccanismo di applicazione del bonus. In pratica, se si destinano spese per massimo € 5000,00 per ogni unità immobiliare (e questo significa che, nei condomini, si farà il cumulo delle unità immobiliari presenti) si può ottenere una detrazione del 36% che verrà rimborsata in 10 anni. Quali spese sono quindi detraibili? La piantumazione di spazi comuni, ad esempio, o comunque di spazi privati non attrezzati, l’installazione di pergolati o grigliati atti a far crescere rampicanti, la sistemazione generale e la relativa progettazione delle aree esterne di abitazioni indipendenti. Anche terrazzi o lastrici solari che si vogliano destinare a spazi verdi ovvero orti rientrano nelle detrazioni previste dal bonus. Questi interventi serviranno a dare respiro al settore florovivaistico e a generare una forma di abbellimento del patrimonio immobiliare. Non da ultimo, il miglioramento della qualità dell’aria soprattutto nei centri urbani, a maggior ragione quelli carenti di spazi verdi pubblici sarà evidente.